Sorpresi a rubare un’auto, arrestati padre e figlia

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

A causa del ripetersi di alcuni episodi di furto sulle auto lasciate in sosta nei parcheggi limitrofi alle zone balneari – fenomeno tradizionalmente in crescita durante il periodo estivo – il Comando Compagnia Carabinieri di Paola ha attivato dei servizi straordinari di controllo del territorio, con finalità preventive e repressive.

I militari di Guardia Piemontese Marina, evidenziati alcuni elementi ricorrenti negli ultimi episodi di furto commessi nella zona del lungomare, hanno tratto in arresto, nel pomeriggio di domenica 28 giugno, un uomo ed una donna provenienti da Vallo della Lucania, D.A. e D.M., di 56 e 36 anni. I due, padre e figlia, noti alle Forze dell’ordine, sono accusati di furto pluriaggravato, in concorso, su autovettura.

L’attenzione dei Carabinieri, in borghese tra i bagnanti nella zona del lungomare Andrea Doria di Guardia Piemontese, è stata fin da subito attirata da un uomo che, dopo essere arrivato a piedi nell’area parcheggio, ha iniziato a guardare con fare circospetto le macchine lasciate in sosta.

I militari hanno seguito con discrezione l’individuo per alcuni minuti, fino a quando l’uomo, dopo aver estratto dalla tasca del pantalone un arnese da scasso – una forbice modificata, chiamata in gergo spadino (foto) – noncurante dei numerosi bagnanti presenti a poca distanza, ha forzato, in pochissimi istanti, la serratura dello sportello lato guida di una Fiat Panda.

Messo fuori gioco il congegno di chiusura dell’autovettura, l’uomo, dopo averne aperto il bagagliaio, ha afferrato una busta, passando la refurtiva a D.M., la figlia 36enne, che nel frattempo si era avvicinata a bordo della sua macchina, tenendo il motore acceso per ogni evenienza.

Immediato l’intervento dei Carabinieri che, dopo aver bloccato i due con un’azione fulminea, hanno recuperato la refurtiva restituendola al legittimo proprietario. Purtroppo, il danno causato alla Fiat Panda si aggira intorno ai 500 euro.

Gli arrestati, terminate le formalità di rito, su disposizione del magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Paola, coordinata dal Procuratore Pierpaolo Bruni, sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza. L’arresto è stato convalidato e per entrambi è stata disposto l’obbligo di dimora nel Comune di residenza.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB