Donna morta a Cosenza, undici indagati tra medici e infermieri

La donna, al sesto mese di gravidanza, era stata dimessa dopo aver accusato forti dolori addominali. Tornata in ospedale, il giorno successivo è deceduta.


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

tribunale di cosenza

Undici sanitari, tra medici e infermieri dell’ospedale Annunziata di Cosenza, sono stati iscritti nel registro degli indagati dai magistrati della Procura bruzia nell’ambito dell’inchiesta per la morte della donna incinta di 34 anni, Mariangela Simona Colonnese, deceduta lo scorso 20 agosto nel reparto di ginecologia e ostetricia del nosocomio cosentino.

I medici e gli infermieri indagati sono quelli che hanno seguito direttamente il suo caso. Mariangela Simona Colonnese, al sesto mese di gravidanza, si era presentata lunedì scorso in ospedale lamentando forti dolori addominali.

Dopo essere stata sottoposto ad un primo trattamento terapeutico, la donna era stata dimessa. Il mercoledì successivo si era ripresentata in ospedale lamentando un’accentuazione dei dolori. Giovedì sera il decesso, in merito al quale il marito della donna ha presentato una denuncia alla Polizia di Stato che ha fatto scattare l’inchiesta della Procura.

Mercoledì sarà conferito l’incarico ai medici legali che eseguiranno l’esame autoptico. L’Azienda ospedaliera, intanto, ha avviato un’indagine interna, mentre il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha disposto l’invio di un’ispezione in ospedale per l’accertamento dei fatti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER