Giro d’Italia, Filippo Ganna vince la tappa Mileto-Camigliatello

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
Filippo Ganna (Ansa)

Bella impresa di Filippo Ganna che ha vinto per distacco, e dopo una lunga fuga, la 5/a tappa del 103/o Giro d’Italia, da Mileto (Vibo Valentia) a Camigliatello Silano (Cosenza), lunga 225 chilometri.

Il portoghese Joao Almeida ha conservato la maglia rosa di leader della classifica generale. E’ il secondo successo per il piemontese dopo la crono di Palermo. Ganna si è imposto in 5h59’17”, precedendo l’austriaco Patrick Konrad, a 34″, e la maglia rosa, terzo con lo stesso tempo.

Quarto, sempre a 34″, l’olandese Wilco Kelderman e quinto l’australiano Lucas Hamilton. Decimo Fausto Masnada, mentre Vincenzo Nibali si è piazzato al 12/o posto, preceduto dal polacco Rafal Majka.

“E’ stata dura. A dire il vero non dovevo nemmeno andare in fuga, ma lavorare in supporto di Puccio. Dopo 40 chilometri di scatti e controscatti, ho detto a Salvo: “mettiti alla mia ruota”, e siamo andati via noi due con altri quattro corridori. Sono felice per me e la squadra, con la prestazione di oggi abbiamo riscattato almeno in parte la perdita di Thomas”. Lo ha detto Filippo Ganna, dopo il trionfale arrivo a Camigliatello Silano (Cosenza), che gli ha fruttato il secondo successo al 103/o Giro d’Italia di ciclismo, dopo quello nella crono inaugurale a Palermo.

“Sul finale mi scattavano in faccia, in salita non potevo rispondere, non è quello il mio terreno – aggiunge il campione del mondo a cronometro – ma ho mantenuto la calma e, al momento opportuno, ho fatto come una crono per arrivare al traguardo da solo. Ieri Thomas mi ha inviato un messaggio e mi ha detto di andare in fuga: in fondo ho solo rispettato gli ordini del mio capitano, anche se purtroppo lui è dovuto tornare a casa”.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB