Cosenza, Commissione urbanistica propone di cambiare Via Piave in Via Jole Santelli

Il presidente Lo Gullo sottoporrà la proposta all'organismo consiliare per dare mandato al sindaco Occhiuto di deliberare. Unico scoglio da superare è la norma che recita che si può dedicare una strada solo a dieci anni dalla morte. Il consigliere chiede pertanto al prefetto una deroga alle disposizioni vigenti

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
L’attuale Via Piave a Cosenza. A sinistra il palazzo dove abitava la presidente Santelli

Mentre la giunta regionale ha già deliberato di intitolare il palazzo della Regione Calabria alla governatrice scomparsa (si chiamerà “Cittadella regionale Jole Santelli”), a Cosenza il presidente della Commissione urbanistica Lo Gullo ha proposto di dedicare via Piave, dove abitava la presidente, in Via Jole Santelli.

La proposta sarà formalizzata giovedì prossimo 22 ottobre, alle ore 11.00, spiega una nota di palazzo dei Bruzi. La nuova intitolazione è stata avanzata dal Presidente della Commissione urbanistica Massimo Lo Gullo che la sottoporrà agli altri componenti l’organismo consiliare per dare mandato al Sindaco Mario Occhiuto di darvi attuazione attraverso un’apposita delibera di giunta.

“Mi ha indotto a formulare questa proposta – ha sottolineato Massimo Lo Gullo – anzitutto il fatto che l’attuale via Piave sia la strada dove Jole Santelli ha vissuto e dove ha trascorso gli ultimi momenti della sua purtroppo breve esistenza, ma anche la grande considerazione che la città di Cosenza ha dimostrato di avere nei confronti della Presidente della Regione Calabria e le attestazioni di stima, affetto e vicinanza tributatele in occasione dell’ultimo saluto che la comunità cosentina ha inteso rivolgerle”.

“Sono ben consapevole – ha aggiunto Massimo Lo Gullo – delle limitazioni previste dalla normativa attuale che considera possibili le intitolazioni quando riguardino persone decedute da almeno dieci anni. A questo proposito chiedo sin d’ora – sottolinea ancora Massimo Lo Gullo – al Prefetto della città, Cinzia Guercio, di voler prendere in considerazione una deroga alle disposizioni vigenti come fatto eccezionale, considerati gli elevati meriti dell’on.Jole Santelli anche in ambito nazionale, per il suo impegno nelle istituzioni nelle quali ha ricoperto importanti incarichi di governo distinguendosi per le sue battaglie a tutela della legalità”.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB