Spirlì firma l’ordinanza. Medie ed elementari in presenza. Dad per superiori e università. Lockdown notturno

Il "coprifuoco" dalle 24 alle 5 entrerà in vigore già dalla mezzanotte tra sabato e domenica. Si potrà circolare comunque per esigenze motivate. Servirà l'autocertificazione. E' tuttavia consentito agli avventori dei locali che chiudono alle ore 24 di far rientro a casa.

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
Il vicepresidente facente funzioni Nino Spirlì

Resta confermata la didattica a distanza per gli istituti superiori, mentre per le scuole Medie la regione Calabria (fino a ieri sera orientata alla chiusura), ha deciso di tenerle aperte in presenza. E’ questo uno dei punti chiave dell’ordinanza di contrasto alla diffusione del covid firmata dal vicepresidente facente funzioni della Calabria, Nino Spirlì. Il provvedimento entrerà in vigore lunedì 26 ottobre e durerà 15 giorni, fino al 13 novembre.

Le scuole elementari resteranno aperte in presenza, ma i bambini, è scritto nero su bianco, non saranno più costretti ad indossare le mascherine quando in aula sono posizionati al loro banco nel rispetto del distanziamento previsto. In diverse scuole, infatti, alcune insegnanti obbligavano i bimbi a indossare i dispositivi di protezione anche con banchi distanziati.

Disposta la sospensione, in presenza e con possibilità di attivare la didattica digitale integrata, delle attività didattiche presso gli atenei universitari, fatte salve le lezioni e le attività che devono essere necessariamente svolte in presenza fisica (laboratori scientifici, attività formative da esercitarsi necessariamente presso servizi clinici, tirocinio dei corsi di laurea di area sanitaria non differibili).

‘Coprifuoco’ notturno già da sabato notte
Lockdown notturno dalle 24 alle 5 del mattino. Saranno consentiti soltanto gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, situazioni di necessità, situazioni di urgenza o motivi di salute. Per giustificare gli spostamenti dovrà essere necessario esibire una autodichiarazione. E’ consentito in ogni caso fare rientro presso il proprio domicilio degli avventori degli esercizi pubblici attivi fino alle ore 24, recita l’ordinanza. Rispetto a questo punto, la regione precisa che le disposizioni previste “producono efficacia dalle ore 24,00 del 24 ottobre 2020”, cioè da mezzanotte tra sabato e domenica.  

E’ fatto inoltre divieto agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso (DEA/PS), salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario preposto e che l’accesso di parenti e visitatori alle strutture ospedaliere, di lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA), strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, sia limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.

La regione ha tra le altre cose disposto che le Aziende Ospedaliere dovranno provvedere ad incrementare la dotazione di posti letto dedicati all’assistenza di pazienti affetti da COVID-19 nella misura del 20% di quanto previsto entro 10 giorni dall’adozione della presente Ordinanza.

Scarica l’ordinanza

Scarica l’autocertificazione

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB