Virus, dai dati elaborati da Fondazione la Calabria non è da ‘Zona rossa’: 0,23%

Da una elaborazione della 'Gimbe', la Calabria ha 230 positivi ogni 100mila abitanti ed è ultima in classifica tra le regioni esaminate

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Zone gialle, arancioni e gialle. Sono queste le fasce di “rischio” indicate dal governo per imporre restrizioni e lockdown: la Calabria, la Lombardia, il Piemonte e la Valle d’Aosta, accomunate in fascia rossa, sono ritenute regioni ad alto rischio. Ma è davvero così?

No, secondo una elaborazione della “Fondazione Gimbe”, almeno per la Calabria, regione che per ogni centomila abitanti detiene il primato negativo di ‘positivi’ tra tutte le regioni esaminate: 230 cosiddetti “contagiati” per ogni centomila calabresi, ossia lo 0,23%.

Il quadro dei casi positivi al Covid in Italia, regione per regione, ogni 100 mila abitanti, è stato elaborato dalla citata fondazione sulla base dei dati della Protezione Civile di venerdì  6 novembre.

Nel conteggio dei “positivi” figurano tutti coloro che sono in isolamento, quanti sono ricoverati nei reparti di medicina e pneumologia (definiti non critici) e coloro che sono ricoverati nelle terapie intensive.

Valle d’Aosta 1.725; Provincia autonoma Bolzano 1.326; Lombardia 1.167; Piemonte 1.100; Campania 1.072; Toscana 1.057; Umbria 1.007; Veneto 896; Lazio 794; E-Romagna 756; Liguria 754; Abruzzo 654; Marche 606; Friuli Venezia Giulia 556; Sardegna 469; Molise 460; Provincia autonoma Trento 450; Basilicata 415; Sicilia 390; Puglia 388 e Calabria 230.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM