Maltempo, massima allerta in Calabria

Temporali e forti venti previsti in tutta la regione, tra sabato sera e domenica 22 novembre. Si attendono mareggiate lungo le coste esposte. I consigli della protezione civile durante un'alluvione

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

E’ allerta rossa in Calabria, con piogge e vento di burrasca. E’ quanto diramato dalla protezione civile nel suo bollettino quotidiano. A causare il forte maltempo è un vortice depressionario, attualmente centrato sulla Sicilia, che continua la sua lenta progressione verso sud, mantenendo condizioni di tempo spiccatamente perturbato sul Meridione italiano, specie sui versanti ionici e in particolar modo su quelli della Calabria. Tale configurazione determina ancora, sempre sulle regioni meridionali, venti intensi dai quadranti orientali.

Per il pomeriggio-sera di oggi, 21 novembre, sarà allerta rossa sul settore ionico calabrese, dove da stanotte una violenta alluvione ha messo in ginocchio Crotone e provincia. Il resto della regione sarà allerta arancione, con temporali diffusi e forti venti. Domenica 22 novembre, sarà ancora allerta rossa su gran parte del versante ionico della Calabria e allerta arancione sul settore costiero della Basilicata, sul resto della Calabria e sulla Sicilia nord-orientale.

L’allerta meteo del massimo livello riguarda, oltre che il crotonese, tutta la fascia ionica catanzarese e la fascia orientale cosentina fino a Corigliano Rossano, ai confini con la Basilicata. Per il resto della regione l’allerta è arancione. Si prevedono mareggiate lungo le coste esposte.

I consigli della Protezione civile durante l’alluvione

Se sei in un luogo chiuso

Non scendere in cantine, seminterrati o garage per mettere al sicuro i beni: rischi la vita.

Non uscire assolutamente per mettere al sicuro l’automobile.

Se ti trovi in un locale seminterrato o al piano terra, sali ai piani superiori.

Evita l’ascensore: si può bloccare.

Aiuta gli anziani e le persone con disabilità che si trovano nell’edificio.

Chiudi il gas e disattiva l’impianto elettrico.

Non toccare impianti e apparecchi elettrici con mani o piedi bagnati.

Non bere acqua dal rubinetto: potrebbe essere contaminata.

Limita l’uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi. Tieniti informato su come evolve la situazione e segui le indicazioni fornite dalle autorità.

Se sei all’aperto

Allontanati dalla zona allagata: per la velocità con cui scorre l’acqua, anche pochi centimetri potrebbero farti cadere.

Raggiungi rapidamente l’area vicina più elevata, o sali ai piani superiori di un edificio, evitando di dirigerti verso pendii o scarpate artificiali che potrebbero franare.

Fai attenzione a dove cammini: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti ecc.

Evita di utilizzare l’automobile. Anche pochi centimetri d’acqua potrebbero farti perdere il controllo del veicolo o causarne lo spegnimento: rischi di rimanere intrappolato.

Evita sottopassi, argini, ponti: sostare o transitare in questi luoghi può essere molto pericoloso.

Limita l’uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi.
Tieniti informato su come evolve la situazione e segui le indicazioni fornite dalle autorità.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB