Ospedale da campo a Cosenza, sopralluogo di Spirlì, Boccia e Borrelli

Vertice operativo sulle necessità del presidio a Vaglio Lise. Il ministro: «Presto la nomina del commissario ad acta»

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021
Il ministro Boccia con il presidente Spirlì (primo a destra)

Il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, e il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, stamattina hanno fatto un sopralluogo nell’ospedale da campo allestito in zona Vaglio Lise a Cosenza per affrontare l’emergenza covid.

Previsti 40 posti letto, tre dei quali di terapia sub-intensiva, e tre laboratori per processare i tamponi (150 al giorno). Il presidente e il ministro, accompagnati dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, e dal sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, hanno svolto una riunione operativa centrata sulle necessità aggiuntive del campo.

«È un’esperienza positiva – ha detto Boccia – che serve a tamponare l’emergenza a ad allegerire la pressione sugli ospedali, ma che sarà affiancata, con il grande lavoro che sta profondendo Spirli, dalla ricognizione degli ospedali chiusi per valutare le possibili riaperture. Stiamo operando in collaborazione con Regione e Protezione Civile e procederemo alla nomina del commissario ad acta, che dovrà occuparsi prevalentemente di bilanci e operare in sinergia con la Regione».

Il presidente Spirlì ha definito «positiva» la soluzione per la città di Cosenza e ha posto l’accento sul «fabbisogno ospedaliero e territoriale della Calabria, che ha bisogno di strutture efficienti e stabili per garantire il diritto alla salute».

Spirlì, Boccia e Borrelli hanno poi raggiunto Crotone per effettuare un sopralluogo nelle zone colpite dalle alluvioni e per partecipare ad un vertice in Prefettura.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM