Rapine nell’alto Tirreno cosentino, tre arresti e 4 obblighi di dimora

Carlomagno FIAT GENNAIO 2021 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

E’ di 3 arresti (uno in carcere e due ai domiciliari), e quattro obblighi di dimora, il bilancio di un’operazione dei carabinieri di Paola a conclusione di una indagine che ha fatto luce su una serie di rapine in Banche e alla Poste consumate e tentate nell’alto Tirreno cosentino.

Le misure, eseguite a Cetraro, Bonifati e Belvedere Marittimo, sono state eseguite su ordine del giudice presso il tribunale di Paola su richiesta della locale procura che contesta ai 7 indagati, a vario titolo, i reati di rapina pluriaggravata, tentata e consumata, continuata, in concorso.

L’attività investigativa – avviata nel mese di dicembre 2017 dai militari a seguito del furto commesso nella notte tra il giorno 15 ed il giorno 16 di quel mese presso l’Ufficio Postale del centro storico di Cetraro -, ha consentito di documentare l’esistenza di un gruppo criminale composto da soggetti pregiudicati ed incensurati italiani, originari dell’area dell’alto tirreno cosentino, specializzato nella commissione rapine a mano armata, mediante l’impiego di mazze provviste di punta metallica acuminata, utilizzate per l’abbattimento delle vetrature antisfondamento – in danno di filiali di istituti di credito ed uffici postali.

Gli indagati, di cui non sono state rese note le generalità, erano soliti agire secondo un collaudato “modus operandi” che prevedeva la preventiva effettuazione di ripetuti sopralluoghi sui possibili obiettivi dell’azione delittuosa, con l’impiego di autovetture non di interesse operativo; il contestuale monitoraggio, nel corso della fase di studio dell’obiettivo, dei servizi perlustrativi espressi dalle Stazioni Carabinieri competenti per territorio e l’impiego di moto senza di targa identificativa, al fine di assicurare gli spostamenti dal luogo di occultamento delle autovetture destinate alla fuga e l’obiettivo e viceversa.

Le indagini hanno permesso di contestare agli odierni indagati, a vario titolo, le loro responsabilità in relazione ad una rapina pluriaggravata concretizzata in danno dell’Ufficio postale di Diamante, in data 11 maggio 2018, approfittando delle circostanze di tempo connesse all’arrivo di una tappa del Giro d’Italia a Praia a Mare e con un provento di 14.000 euro; nonché a 4 tentativi di rapina pluriaggravata in danno di tre Uffici Postali e una filiale di un istituto di credito, ubicati nella fascia tirrenica della Provincia di Cosenza, in un arco temporale compreso tra i mesi di marzo 2018 e giugno 2018.

Gli imminenti tentativi di rapina sono stati sventati grazie all’intervento preventivo – con funzioni dissuasive – di militari della Compagnia Carabinieri di Paola. Nell’ambito della stessa attività, in data 23 agosto 2018, uno degli odierni indagati era stato arrestato in quanto colto nella flagranza del reato di detenzione di un kg di cocaina.

SOSTIENI SECONDO PIANO NEWS