Colpisce la madre e la manda in ospedale, arrestato cosentino


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I militari della Sezione Radiomobile della Compagnia di Cosenza hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Cosenza su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 47enne originario del capoluogo bruzio per i reati di minacce, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Il provvedimento scaturisce in conseguenza di diversi spiacevoli episodi di maltrattamenti in famiglia commessi dall’uomo ai danni della madre 67enne nell’ultimo anno, di cui il più grave avvenuto il giorno di Natale.

In particolare, il 25 dicembre scorso una pattuglia della Sezione Radiomobile dei Carabinieri di Cosenza, a seguito di richiesta di aiuto pervenuta al numero d’emergenza 112, interveniva presso l’abitazione dell’indagato, dove trovava l’anziana donna in stato di agitazione che presentava evidenti escoriazioni su entrambe le guance e sulla fronte. La stessa vittima, con vistose macchie di sangue sulla maglietta che indossava, riferiva ai Carabinieri di sentire forti dolori alla spalla sinistra.

Dopo una prima ricostruzione dell’accaduto, i militari intervenuti avevano modo di appurare che il figlio, soggetto con riferiti problemi psichici che è solito fare uso di sostanze stupefacenti, nel corso di una discussione la aveva violentemente aggredita, scaraventandola a terra.

A causa delle gravi condizioni di salute, è stato necessario richiedere con urgenza l’intervento di un’ambulanza del 118, anche per il successivo trasporto presso il vicino Pronto Soccorso, dove è stata ricoverata fino allo scorso 5 gennaio a causa delle gravi lesioni subite.

Gli accertamenti scaturiti, subito segnalati all’autorità giudiziaria, consentivano di appurare come l’episodio del 25 dicembre non rappresentasse solo un evento sporadico, ma la donna aveva già sporto denuncia in almeno 4 occasioni per episodi di simili e rappresentato che il figlio convivente fosse affetto da problemi di dipendenza da sostanze stupefacenti, così come riscontrati presso il SERT.

Dopo le dimissioni dall’ospedale, la donna è tornata presso la propria abitazione dove, ancora una volta, ha trovato ad aspettarla il figlio che l’ha colpita con una lattina di birra, schiaffeggiata ed ancora percossa con un cucchiaio alla testa, con l’intenzione di “punirla” per aver contattato le forze dell’ordine in occasione delle precedenti violenze subite.

Alla luce degli accadimenti succedutisi nel tempo, grazie al lavoro svolto dai Carabinieri della Sezione Radiomobile, coordinati dalla Procura di Cosenza, il Gip presso il Tribunale di Cosenza ha ritenuto indispensabile l’applicazione della misura cautelare in carcere per arginare le condotte dell’uomo. L’arrestato è stato quindi tratto in arresto ed associato presso la Casa Circondariale di Cosenza.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER