Serie B, finisce 2-2 il derby calabrese tra Cosenza e Reggina

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Nel posticipo della 23esima giornata di Serie B Cosenza e Reggina pareggiano 2-2. Amaranto in fuga nella prima frazione grazie alle reti di Menez, su rigore all’8’, e al raddoppio di Folorunsho, al 22’.

I rossoblù non ci stanno e riaprono il match al 39’ grazie alla zampata di Trotta sotto rete, trovando il definitivo pari all’85’ con il gol di Carretta dal dischetto. Punto utile più alle rispettive imbattibilità che ai fini della classifica.

Derby appassionante tra Cosenza e Reggina, con i padroni di casa abili a gettare il cuore oltre l’ostacolo acciuffando il 2-2 nel finale. Gli ospiti approcciano la gara con grande tranquillità portandosi subito in vantaggio dagli undici metri: all’8’ Folorunsho viene agganciato da Corsi, Marinelli non ha dubbi così come Menez, la cui conclusione spiazza Falcone. Il Cosenza si innervosisce e subisce il raddoppio al 22’ con Menez che lancia Rivas sulla destra, cross a centro area dove Folorunsho, indisturbato, batte Falcone di piatto destro. La squadra di Occhiuzzi reagisce in modo caotico me è Trotta a prendere le misure prima di infilare la porta al 39’.

Grande merito nella circostanza è di Gerbo che effettua un tunnel su Di Chiara, crossa al centro dove Nicolas è magistrale sul tacco di Corsi ma non può opporsi al tap-in dell’attaccante. Al 67’ altro duello a distanza tra Trotta e Nicolas, bravissimo il portiere ospite a opporsi coi guantoni. Legittimo salva il Cosenza intercettando un pallone destinato a Denis prima del definitivo 2-2 siglato da Carretta all’85’: rigore concesso per fallo di Menez su Mbakogu.

È la Reggina ad avere una doppia chance per vincerla nel finale con Denis che pizzica la traversa dopo un grande intervento di Falcone (87’), poi Montalto sfiora il palo di testa a tempo scaduto. Il pareggio muove poco la classifica per entrambe le squadre, con la Reggina che mantiene tre lunghezze di vantaggio sul Cosenza tutt’ora a secco di vittorie tra le mura amiche.

COSENZA: Falcone; Idda, Schiavi (1′ st Ingrosso), Legittimo; Gerbo, Petrucci, Sciaudone (29′ st Crecco), Corsi (16′ st Ba); Tremolada (16′ st Bahlouli); Carretta, Trotta (32′ st Mbakogu). A disposizione: Saracco, Sacko, Vera, Gliozzi, Kone, Antzoulas, Sueva. Allenatore Occhiuzzi.

REGGINA: Nicolas; Del Prato, Loiacono, Stavropoulos (11′ st Cionek), Di Chiara; Crisetig, Crimi (40′ st Bianchi); Edera (26′ st Kingsley), Folorunsho, Menez (40′ st Montalto); Rivas (26′ st Denis). A disposizione: Guarna, Plizzari, Okwonkwo, Bellomo, Dalle Mura, Lakicevic, Liotti. Allenatore Baroni.

ARBITRO: Livio Marinelli di Tivoli (Zingarelli – Palermo). IV UOMO: Valerio Marini di Roma 1.

MARCATORI: 8′ pt rig. Menez (R), 22′ pt Folorunsho (R), 39′ pt Trotta (C), 39′ st rig. Carretta (C).

NOTE: Gara disputata a porte chiuse in una serata gelida con temperatura vicina allo zero. Ammoniti: 7′ pt Schiavi (C), 12′ pt Del Prato (R), 33′ pt dalla panchina Guarna (R), 43′ pt Rivas (R), 1′ st Tremolada (C), 10′ st Carretta (C), 25′ st Crisetig (R), 29′ st Ba (C). Espulso: al 18′ pt per proteste il segretario del Cosenza De Poli. Angoli: 11-4 (pt 6-1). Recupero: 0′ pt; 4′ st.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM