Spacciano droga in casa, arrestati padre e figlio

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Sono stati trovati con oltre 200 grammi di marijuana nascosti in casa evidentemente per spacciarla a consumatori abituali. Per questo motivo due persone, padre e figlio di 50 e ventuno anni sono stati arrestati a Calopezzati, dai carabinieri della locale stazione dipendente della compagnia di Rossano.

I militari dell’Arma, già da qualche tempo, avevano notato una serie di movimenti anomali nei pressi della loro abitazione, ubicata nel centro storico del comune jonico, per cui hanno inteso approfondire e verificare quanto intuito.

All’alba di ieri mattina, quindi, i carabinieri si sono presentati presso l’abitazione e, a seguito di una perquisizione effettuata con un cane antidroga, hanno rinvenuto all’interno di un paio di scarpe due dosi di marijuana per un peso complessivo di circa 5 grammi.

Le verifiche sono state estese anche ad un altro appartamento limitrofo nella loro disponibilità dove è stato trovato un altro involucro in plastica contenente circa 200 grammi di “erba”, che padre e figlio avevano nascosto sotto un mobile della cucina. Trovati anche un bilancino di precisione nonché materiale per il confezionamento delle dosi.

Padre e figlio sono stati pertanto tratti in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Su disposizione del pm di turno della Procura della Repubblica di Castrovillari, i due sono stati rimessi in libertà non ritenendo allo stato necessaria l’applicazione di misure coercitive, mentre gli atti sono trasmessi alla medesima autorità giudiziaria per la richiesta di convalida dell’arresto.