Rende, bomba esplode sotto l’auto di una professionista, nessun ferito. Indagano i carabinieri


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Un ordigno rudimentale è esploso nel pomeriggio di oggi sotto un’automobile in sosta in Via Papa Giovanni XXIII, a Rende. Non ci sono feriti.

L’auto, una Range Rover bianca, ha subìto danni mentre, fortunatamente, nessuna conseguenza per i passanti e i negozi vicini, a parte ovviamente il forte spavento per la potente deflagrazione. L’ordigno artigianale, di basso potenziale, è stato piazzato sotto una delle ruote posteriori del mezzo.

Sul posto si sono recati i carabinieri della Compagnia di Rende per i rilievi del caso.  L’automobile appartiene ad una consulente del lavoro, Simona Boschelli, che lavora in uno studio professionale posto nella zona.

Sulla grave intimidazione hanno avviato indagini i carabinieri guidati dalla comandante Mariachiara Soldano, sotto il coordinamento dalla Procura di Cosenza. I militari hanno acquisito le immagini delle videocamere di sorveglianza presenti in zona per risalire all’autore del gesto intimidatorio e far luce sul movente. Nessuna pista viene esclusa. Al vaglio degli inquirenti c’è principalmente l’attività professionale della giovane consulente, ma anche ritorsioni di carattere personale.

Quello di oggi è il secondo attentato compiuto in pochi giorni a Rende: l’altra notte, infatti, in viale Kennedy, è stato dato alle fiamme un salone di bellezza, lo “Spazio Donna”. Il locale ha subito ingenti danni. Anche in questo caso le indagini sono ad ampio raggio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER