Cetraro, sorpreso con una pistola clandestina e droga: arrestato

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

I Carabinieri della Compagnia di Paola, nell’ambito del piano di controlli straordinari del territorio dell’area urbana di Cetraro, predisposto dal Comando Provinciale di Cosenza, hanno arrestato un 39enne originario della zona, noto alle Forze dell’ordine. I reati contestati sono quelli di detenzione illegale di arma comune da sparo e di detenzione di sostanza stupefacente a fini di spaccio.

L’uomo, quando i Carabinieri hanno bussato alla sua abitazione, ritardando l’apertura della porta, ha pensato bene di lanciare dalla finestra un involucro in plastica. All’interno del pacchetto, recuperato immediatamente dai militari impegnati nella cinturazione del palazzo, era stata nascosta una pistola calibro 6,35, provvista di matricola e munita di serbatoio contenente 5 colpi; nonché un frammento di hashish del peso complessivo di 15 grammi.

Le analisi effettuate presso il laboratorio dell’Arma dei Carabinieri hanno permesso di accertare che dal quantitativo della sostanza stupefacente sequestrate, sulla base del principio attivo contenuto nello stesso, avrebbero potuto essere complessivamente ricavate oltre 130 dosi.

Nel corso dell’udienza di convalida tenutasi nella mattinata odierna l’arresto è stato convalidato e per il 39enne è stata disposta l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Tutti i Reparti dei Carabinieri operanti nell’area – spiega una nota dell’Arma paolana – continueranno a profondere il massimo impegno per garantire la sicurezza della cittadinanza, a seguito del grave episodio commesso sabato 13 marzo 2021, quando ignoti hanno sparato colpi di arma da fuoco contro l’auto del comandante carabinieri della stazione di Cetraro, maresciallo Orlando D’Ambrosio.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM