Protesta a Cosenza dei dipendenti delle cooperative: “Da mesi senza stipendio”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Protestano davanti alla sede del Comune di Cosenza alcuni rappresentanti dei quattrocento lavoratori delle Cooperative sociali di tipo B a Cosenza. Da tre mesi i lavoratori lamentano di non essere retribuiti nonostante, dicono, la spesa relativa alle cooperative sia presente nel bilancio comunale.

“Subiamo – ha raccontato uno dei manifestanti- azioni di mobbing sul posto di lavoro oltre che l’assenza totale di chiarezza e comunicazione da parte dell’ente. Vanno individuate immediatamente delle soluzioni che ci permettano di ricevere le retribuzioni arretrate, di avere pagamenti puntuali, migliori condizioni di lavoro e soprattutto risposte chiare sul nostro futuro lavorativo”.

Intanto, è in corso una riunione in Comune con l’assessore regionale Domenica Catalfamo, l’assessore comunale Alessandra De Rosa e i rappresentanti del sindacato Usb e del comitato Prendocasa.

“Lo avevamo previsto un anno fa – ha dichiarato Ferdinando Gentile sindacalista – perché il dissesto produce solo difficoltà alle fasce più deboli. Chiediamo il rifinanziamento della voce di bilancio riferita all’emergenza abitativa come soluzione tampone e una programmazione più seria per la definizione del problema”. Inoltre, all’assessore Catalfamo è stato chiesto anche un impegno della Regione per rifinanziare l’intero sistema del welfare cosentino. (ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM