Ruba un’auto e sfreccia sulla SS 18 inseguito da CC, in cella giovane libico


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Inseguimento

Le ricerche sono partite a seguito della segnalazione del furto di un’autovettura effettuata al 112 da parte di una Signora originaria di Falconara Albanese – frazione Torremezzo (Cosenza). La donna aveva lasciato poco prima la sua macchina parcheggiata lungo la pubblica via per fare un po’ di spesa in un alimentari del posto. Una volta uscita dal negozio il mezzo era svanito nel nulla. Senza perdersi d’animo e con grande lucidità ha contattato la centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Paola, fornendo importantissimi dettagli anche su un giovane ragazzo notato poco prima aggirarsi, con fare sospetto, in paese.

L’autovettura è stata intercettata dopo pochi minuti dai militari della Stazione di Amantea mentre sfrecciava sulla statale 18, direzione sud. Il malfattore, nonostante l’alt intimatogli più volte, al fine di seminare i Carabinieri, ha accelerato disegnando sulla statale una serie di manovre repentine, pericolosissime per l’incolumità degli utenti della strada.

Dopo oltre 20 km di inseguimento, il 26enne, ormai spintosi fino al territorio di Nocera Terinese (Catanzaro), ha imboccato una strada interpoderale, parallela al fiume Savuto. Dato il terreno sconnesso, dopo aver abbandonato il veicolo, il ragazzo ha tentato di proseguire la sua fuga a piedi, venendo quasi istantaneamente bloccato dai Carabinieri.

Il giovane, di origini libiche, con precedenti, su disposizione del magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Lamezia Terme, è stato tradotto presso il carcere di Paola. A seguito della convalida dell’arresto gli è stata applicata la custodia cautelare in carcere. La macchina è stata restituita alla sua legittima proprietaria.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM