Il Cosenza perde 2-0 a Pordenone e retrocede in serie C

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Niente da fare per il Cosenza. I calabresi rimediano l’ennesima sconfitta a Pordenone (2-0) e retrocedono in serie C insieme a Entella, Pescara e Reggiana. Oltre all’Empoli, viene promossa in serie A la Salernitana che ha vinto 3-0 sul Pescara. Sperava il Monza che ha però perso in casa con il Brescia.

Vanno dunque ai play-off Monza, Lecce, Venezia, Cittadella, Brescia e Chievo. Il Cosenza con 35 punti è quindi la quarta squadra a retrocedere direttamente perché distante più di 5 punti dalla quint’ultima, ossia l’Ascoli, che ha chiuso il campionato a quota 44.

Le azioni salienti di Pordenone Cosenza

Al 3′ del primo tempo Falcone dice di no a Magnino.

11′ Tiritiello salva su Musiolik spazzando in corner.

15′ Combinazione Kone – Tremolada con conclusione del 21 rossoblù deviato in angolo.

22′ Prova il tiro Tremolada dalla grande distanza, palla alta sulla traversa della porta difesa da Perisan.

34′ Tremolada trova il varco per calciare dal limite dell’area, conclusione strozzata che termina sul fondo.

40′ Tiro cross di Crecco, Perisan quasi sorpreso riesce a respingere.

45′ Squadre negli spogliatoi sul risultato di zero a zero.

Al 14′ del secondo tempo Cosenza vicino al vantaggio con Crecco che stacca sul cross di Carretta, palla fuori di un soffio.

17′ Kone con il sinistro, alto.

29′ Ci provano i Lupi con Trotta, che gira di testa il traversone di Sciaudone, palla che sfila al lato.

33′ Passano i padroni di casa con Butić. E’ 1-0

39′ Ciurria trova il varco per calciare ma il tiro è centrale e Falcone può bloccare senza problemi.

40′ Cosenza in dieci, espulso Tiritiello.

48′ Raddoppio del Pordenone con il Cosenza totalmente sbilanciato in avanti, a Crecco a deviare inavvertitamente nella propria porta dopo il tiro di Scavone respinto dal palo. Finisce 2-0 per i friulani, con il Cosenza che finisce in serie C. Mister Occhiuzzi si è assunto tutte le responsabilità della retrocessione.

PORDENONE: Perisan; Vogliacco, Camporese, Bassoli, Falasco; Magnino (41′ st Scavone), Calò (15′ st Pasa), Misuraca (41′ st Barison); Zammarini; Ciurria, Musiolik (30′ st Butić). A disposizione: Bindi, Berra, Stefani, Biondi, Finotto, Mallamo, Chrzanowski, Rossetti. All. Domizzi.

COSENZA: Falcone; Tiritiello, Ingrosso, Legittimo (38′ st Mbakogu); Sueva (9′ st Trotta), Kone (38′ st Corsi), Sciaudone, Crecco; Tremolada (28′ st Sacko); Carretta, Gliozzi. A disposizione: Matosevic, Saracco, Idda, Bouah, Schiavi, Vera, Antzoulas, Petrucci. All. Occhiuzzi.

ARBITRO: Michael Fabbri di Ravenna (Valeriani – Lo Cicero). IV UOMO: Manuel Volpi di Arezzo.

MARCATORE: 33′ st Butić, 48′ st (aut). Crecco.

NOTE: Gara disputata a porte chiuse. Giornata calda, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti: 13′ st Musiolik (P), 19′ st Tiritiello (C), 23′ st Domizzi (All. Pordenone), 30′ st Bassoli (P), 36′ st Misuraca (P), 45′ st Scavone (P). Angoli: 7-2 (pt 3-2). Espulsi: al 3′ st per proteste il direttore sportivo del Pordenone Emanuele Berrettoni; al 26′ st il vice allenatore rossoblù Ivan Moschella; al 40′ st Tiritiello (C). Recupero: 0′ pt; 5′ st.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM