Passa dai domiciliari al carcere l’aggressore del cronista di Iacchite’

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Passa dai domiciliari al carcere. Si aggrava la misura cautelare per Marco Lucanto, di 31 anni, di Casali del Manco. All’uomo – che è accusato d’aver violato alcune prescrizioni imposte dal regime restrittivo – ieri pomeriggio, i poliziotti della squadra mobile della Questura di Cosenza (diretti dal primo dirigente Fabio Catalano) hanno notificato un’ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale distrettuale di Catanzaro su richiesta della Procura antimafia.

Il trentunenne – che è accusato di tentata violenza privata e lesioni aggravati dal metodo mafioso – lo scorso mese di marzo è stato condannato a due anni e quattro mesi.

Secondo le indagini svolte dalla squadra mobile, l’uomo l’8 settembre dello scorso anno, in concorso con Antonio Procopio, di 34 anni, di Gasperina, in provincia di Catanzaro, avrebbe aggredito il cronista cosentino Michele Santagata.

Lucanto e Procopio sono stati arrestati venerdì 13 novembre dai poliziotti della Squadra mobile. Secondo la ricostruzione dei fatti i due – giunti in via Miceli a bordo d’una Smart di colore nero – avrebbero atteso che il cronista uscisse dal locale che ospita la redazione del sito web Iacchite’.

Santagata è stato aggredito con pugni e schiaffi. I picchiatori sono scappati, poi, per l’arrivo di alcune persone. Uno dei due aggressori prima di fuggire avrebbe, per così dire, consigliato al cronista di togliere dalle pagine web «la foto dell’avvocato Marcello Manna e di non scrivere più delle vicende giudiziarie del boss di Rende, Francesco Patitucci».

Nei giorni precedenti, Santagata si era occupato del caso dell’ex giudice della Corte d’Appello, Marco Petrini, che si autoaccusa d’aver ricevuto dei soldi – circostanza confermata anche in sede d’incidente probatorio davanti ai magistrati di Salerno – dagli avvocati Marcello Manna e Luigi Gullo per aggiustare la sentenza che riguardava proprio il boss di Rende.

Fonte: Gazzetta del Sud

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM