Incendi in Calabria, spento dopo una settimana rogo in Parco della Sila

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

anti incendi boschivi

Dopo circa una settimana è stato spento l’incendio appiccato da ignoti nella mattinata dell’8 agosto in località Pomiero di Longobucco e che poi si è esteso anche alla vicina zona di Macchia della Giumenta, lambendo l’omonima Riserva Biogenetica e che ha percorso il Parco della Sila.

Per averne ragione, hanno reso noto i carabinieri del Raggruppamento Parchi, è stato necessario impegnare per circa 7 giorni, 6 Dos (direttore delle operazioni di spegnimento) di Calabria Verde, 8 squadre Aib, tra autobotti moduli antincendio, un’autobotte del Reparto CC Biodiversità di Cosenza, nonché 3 canadair e un elicottero Regionale, oltre alla colonna mobile dei volontari del Corpo Aib del Piemonte utilizzati per la bonifica che in un territorio orograficamente complicato, come quello di Longobucco, è più difficile da realizzare che lo stesso spegnimento.

Per il tenente colonnello Angelo Roseti, comandante del Reparto Carabinieri P.N. Sila, la chiave di volta è stata la collaborazione instaurata tra tutte le squadre intervenute e i Carabinieri Forestali Parco del Reparto Sila in servizio alle stazioni di Cava di Melis, Longobucco e Mezzocampo, Savelli (Crotone), deputati alla ricerca degli incendiari, ma che all’interno dei Parchi collaborano, nelle prime fasi dell’incendio, con l’organizzazione di spegnimento.

La prima fase è durata tre giorni, nella quale l’intervento ha subìto rallentamenti dovuti a concomitanti devastanti incendi della provincia di Reggio Calabria, che hanno drenato molte delle risorse aeree e di terra. Dopo, è scritto in una nota, “è stato deciso di intervenire mettendo a fattor comune: l’esperienza e le competenze dei Carabinieri Forestali; la ferrea volontà e la preparazione teorica, nelle operazioni di bonifica, dei volontari del Corpo Aib del Piemonte; l’esigenza di confronto dei Dos di Calabria Verde con chi il territorio lo percorre tutto l’anno; la disponibilità di prolungamento degli orari fin dalle 6 e oltre le 22.00 di chi interveniva; lo stretto e serrato dialogo con Centrale operativa provinciale Aib di Cosenza, con la Sala operativa permanente unificata di Germaneto di Catanzaro, in raccordo con il Centro di Coordinamento Aereo Unificato di Roma”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM