E’ morta la ragazzina di 11 anni caduta dal balcone

I funerali di Chiara Mazzotta si svolgeranno domani pomeriggio a Cosenza. Il sindaco di Lappano, Angelo Marcello Gaccione, in concomitanza con le esequie, ha dichiarato il lutto cittadino. Proseguono intanto le indagini dei carabinieri


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

E’ morta Chiara Mazzotta, la bambina di 11 anni precipitata venerdì scorso dal balcone di casa al secondo piano di una villetta a Lappano, nel cosentino.

La bambina era stata portata in un primo tempo nell’ospedale di Cosenza e successivamente trasferita, con un volo dell’Aeronautica militare, nell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma.

Le lesioni interne riportate nella caduta da Chiara Mazzotta si sono rivelate però fatali ed a nulla sono valse le cure prestatele nel tentativo di salvarle la vita.

Martedì scorso era già stata dichiarata la morte cerebrale della bambina, mentre oggi è sopraggiunto il decesso.

I funerali di Chiara Mazzotta si svolgeranno domani pomeriggio a Cosenza. Il sindaco di Lappano, Angelo Marcello Gaccione, in concomitanza con le esequie, ha dichiarato il lutto cittadino.

“La vicenda della piccola Chiara – ha scritto Gaccione su fb – ha avuto un esito tragico. Nelle ore appena trascorse, tutta la comunità ha sperato in un esito differente.

Di fronte alla morte di una bambina in queste circostanze, ogni parola rischia di essere vana. Esprimo la mia vicinanza umana ed istituzionale alla famiglia, cosi tragicamente colpita, ed il cordoglio di tutta la comunità lappanese, che in queste ore ha sperato e pregato”.

Intanto proseguono le indagini dei carabinieri di Cosenza al fine di accertare la dinamica della tragedia. La ragazzina nel momento della caduta era in casa coi genitori e la sorella di 14 anni.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM