Comunali a Cosenza, si profila il ballottaggio tra i due Caruso

Quando sono state scrutinate 71 sezioni su 82 (delle ore 20:34) il candidato del Centrodestra al momento è al 38,21% mentre il penalista socialista al 24,15. Al terzo posto Bianca Rende al 13,04%

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici su TELEGRAM e TWITTER
Da sinistra Francesco Caruso (Centrodestra) e Franz Caruso (Centrosinistra)

A Cosenza si profila il ballottaggio tra i due maggiori competitor di centrodestra e centrosinistra. Con lo spoglio che va molto a rilento, su 71 sezioni scrutinate su 82, secondo i dati ministero dell’Interno delle ore 20:34, Francesco Caruso, candidato azzurro che capeggia la coalizione di centrodestra, si attesta al momento al 38,21%. A seguire l’avvocato Franz Caruso, candidato socialista che guida tre liste, Psi, Pd e una civica, con il 24,15%.

In terza posizione Bianca Rende, candidata con tre liste (una civica, M5s e Tesoro Calabria di Tansi) è al 13,04. Segue l’assessore uscente ai quartieri Francesco De Cicco che con le sue sei liste ha racimolato finora il 12,06%.

Segue Valerio Formisani sostenuto da una sola lista 4,94 percento. Poi Franco Pichierri che con due liste ha raccolto al momento il 3,54%. Infine Fabio Gallo con il 2,14 percento e Francesco Civitelli sostenuto da 5 liste all’1,91%.

Mancano ancora 11 sezioni da scrutinare ma sembra che il trend sembra essere costante con i due Caruso destinati a sfidarsi al ballottaggio tra quindici giorni.

Le dichiarazioni dei due competiror

“Abbiamo un vantaggio consistente sul migliore dei nostri competitor – ha detto Francesco Caruso, vicesindaco nella giunta guidata da Mario Occhiuto, fratello di Roberto, neo-presidente della Regione – e siamo molto soddisfatti della fiducia che abbiamo ricevuto, e continueremo sulla nostra strada dei dialoghi e dei programmi. A Cosenza abbiamo avuto una partecipazione al voto che è stata superiore alla media calabrese – ha aggiunto – ma certo dobbiamo guardare al partito dell’astensionismo. E’ un dato allarmante e preoccupante e dobbiamo cercare di rivolgerci a tutte le fasce di popolazione, a chi si è sentito distante dalla politica, dobbiamo recuperare quel livello di partecipazione che garantisce la libertà democratica”.

Per Franz Caruso, noto penalista e segretario provinciale del Psi, invece “il ballottaggio è un risultato importantissimo, era l’obiettivo che avevamo in mente di raggiungere di fronte ad una situazione che ci ha consegnato ieri un dato regionale significativo. La città – ha aggiunto – ha votato in modo diverso, rispetto alla scelta del governatore, e io sono molto contento. Questo è un primo traguardo che bisseremo al ballottaggio. Io parlerò alla città – ha detto ancora il candidato del centrosinistra – e i cittadini sanno come è stata consegnata dopo 5 anni di guida da parte di un vicesindaco anonimo. E’ grave che dobbiamo ancora parlare di viabilità, acqua, spazzatura, decoro urbano”.