Dia confisca beni per 500 mila euro a un imprenditore


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Dia, sezione operativa Catanzaro

La Direzione investigativa antimafia ha eseguito un decreto di confisca emesso dal Tribunale di Catanzaro – Sezione Misure di Prevenzione relativo ad serie di beni – per un valore di circa 500 mila euro – riconducibili a un imprenditore del cosentino di 45 anni, attualmente agli arresti domiciliari, condannato per estorsione aggravata, partecipazione ad associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e concorso nel tentativo di importazione di sostanza stupefacente.

Il Tribunale, alla luce degli esiti delle indagini patrimoniali condotti dalla Sezione operativa Dia di Catanzaro, ha formulato un giudizio di pericolosità sociale qualificata nei confronti dell’uomo in considerazione del “… duraturo e costante contributo offerto alla compagine associativa, valutato unitamente alla resistenza del gruppo criminale nel lungo periodo nonché al mancato riscontro, nell’intervallo temporale sinora intercorso, da parte del proposto di comportamenti denotanti l’abbandono delle logiche criminali in precedenza condivise”.

I giudici hanno così imposto la misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata massima di cinque anni. Inoltre, sulla base degli accertamenti svolti dagli investigatori, da cui è emersa una rilevante sproporzione tra beni individuati e redditi dichiarati, il Tribunale ha disposto la confisca del patrimonio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER