Avrebbe abusato delle nipotine, arrestato nonno 62enne


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I Carabinieri della Compagnia di Rende hanno arrestato e posto ai domiciliari un uomo di 62 anni, G.O., con l’accusa di aver abusato delle due nipotine da quando avevano 11 e 9 anni, mentre gli ultimi episodi si sarebbero verificati l’anno scorso.

L’arresto è stato fatto in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Tribunale di Cosenza, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Secondo quanto riferisce una nota dei carabinieri è stato il racconto della più piccola, parecchio turbata, alla zia e poi alla mamma a far scattare le indagini dei militari che avrebbero raccolto numerosi elementi indiziari in ordine alla commissione del grave reato.

Inquietante lo scenario emerso in particolare dalle audizioni protette, nel corso delle quali la bambina ha raccontato che il nonno l’avrebbe toccata nelle parti intime, approfittando del sonno, sino a costringerla ad avere rapporti sessuali completi.

Il tutto sarebbe avvenuto in un paesino dell’hinterland cosentino all’incirca nel 2015. Anche la sorella più grande ha riferito di essere stata (presunta) vittima delle attenzioni morbose del nonno, il quale le avrebbe raccomandato di non dire nulla poiché “faceva le stesse cose con la nonna”. L’uomo, a disposizione dell’autorità giudiziaria, dovrà rispondere del reato di violenza sessuale aggravata.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER