Protesta operai senza stipendio, fissato incontro con assessore

Hanno sospeso la protesta i lavoratori del Consorzio di bonifica di Trebisacce, saliti per protesta sul tetto della sede della struttura consortile. Ci sarà un incontro con Gallo


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Ansa

Hanno sospeso la protesta i lavoratori del Consorzio di bonifica di Trebisacce, saliti per protesta sul tetto della sede della struttura consortile.

Per martedì 16 novembre l’assessore regionale all’agricoltura, Gianluca Gallo ha convocato infatti una riunione per discutere della loro difficile situazione e del futuro dell’intero settore.La decisione di attuare la protesta era stata adottata, spiegano, “per richiamare l’attenzione degli organi preposti sulla loro situazione”.

Le maestranze già mercoledì scorso al termine di un’assemblea avevano proclamato lo stato di agitazione che rimane “a seguito dell’indisponibilità economica da parte dell’ente all’erogazione dei salari correnti ed arretrati a tutti i dipendenti”.

I lavoratori vantano quattro mensilità e alcuni di loro, negli ultimi giorni, sono stati posti in cassa integrazione, mentre i vertici del Consorzio hanno preannunciato un aumento di giornate per i lavoratori a tempo determinato. “Continueremo la nostra battaglia, con azioni ancora più eclatanti – hanno dichiarato i lavoratori – fino a quanto non avremo risposte certe”.

“La protesta continuerà ad oltranza – ha dichiarato Federica Pietramala, segretaria generale comprensoriale Flai Cgil – fino a quando non verrà garantito il loro diritto sacrosanto al salario. L’amministrazione dell’Ente deve mettere in campo adeguate azioni atte a garantire la dignità ai propri dipendenti, se non ci riesce si dimetta”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER