Aeroporti, Occhiuto: “Fincalabra controllerà Sacal per conto della Regione”

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Roberto Occhiuto

“Appena proclamato presidente della Regione Calabria, tra i primi dossier di cui mi sono occupato c’è stato quello della Sacal, perché gli aeroporti rappresentano un asset strategico per il turismo e per le attività produttive in generale. E la Regione deve garantirne la funzionalità e lo sviluppo”. Lo afferma, in una nota, il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto.

“L’emergenza da affrontare – aggiunge – è stata la procedura avviata dall’Enac, l’ente che regola il trasporto aereo, dopo il passaggio della maggioranza delle quote della Sacal ai privati. Una procedura che, se non venisse fermata, porterebbe al ritiro delle concessioni per la gestione degli scali di Lamezia Terme, Reggio Calabria e Crotone, con conseguenze non prevedibili sulla funzionalità degli aeroporti e sui livelli occupazionali. Allora mi sono subito messo al lavoro e, acquisita la disponibilità del socio privato Lamezia Sviluppo a cedere le sue quote, stiamo valutando la possibilità di acquisirle tramite Fincalabra, in modo da interrompere le procedure sanzionatorie avviate dall’Enac”.

“Così – dice ancora Occhiuto – si potrà presto aprire una nuova stagione di rilancio per il trasporto aereo calabrese, dopo il periodo buio del Covid, creando un volano di sviluppo per l’intera regione”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER