Serie B, il Monza travolge il Cosenza: 4-1

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Il Monza travolge 4-1 il Cosenza del grande ex Zaffaroni e si conferma implacabile all’U-Power Stadium: sei vittorie e un pareggio su sette partite in casa per i biancorossi, trascinati da un super Mota Carvalho.

Rispetto alla formazione di Ascoli l’unica novità di Mister Stroppa è Machin per Valoti. La prima occasione del match capita sulla testa di Donati, capitano di serata, che schiaccia tutto solo su corner di Barberis: Vigorito respinge. Il vantaggio biancorosso è soltanto rimandato di due minuti: al 11’ D’Alessandro se ne va sulla sinistra con uno sprint dei suoi e pennella un cross che Colpani scarica in rete con uno stacco perentorio.

Terzo gol in campionato per il centrocampista bresciano. Passano due minuti e arriva il raddoppio di Mota Carvalho, che al 13’ fa tutto da solo e si inventa un sinistro devastante per potenza e precisione. E’ il gol numero cinque in campionato per l’attaccante portoghese che però ha appena cominciato il suo show. Al 22’ recupera palla a centrocampo, si invola verso la porta e dopo aver superato in dribbling due difensori batte Vigorito con un piattone di destro. Sei gol in campionato per Mota Carvalho che raggiunge già la quota toccata in tutta la scorsa stagione di Serie B e centra la seconda doppietta consecutiva all’U-Power Stadium, dopo quella contro il Como. Il Cosenza si affaccia dalle parti di Di Gregorio al 37’, ma il destro di Millico viene bloccato senza problemi dal portierone brianzolo.

Il copione del match non cambia nella ripresa in cui il Monza si ripresenta con Ciurria al posto di Vignato. La reazione calabrese non arriva e sono i biancorossi a fare ancora la partita. Valoti fa rifiatare Colpani al 59’ mentre Gytkjaer prende il posto dell’applauditissimo Mota Carvalho al 66’. Il Cosenza ha un sussulto al 69’ quando su punizione da destra irrompe sul primo palo Carraro che segna in spaccata. Resta un episodio perché il Monza continua a controllare il match, cercando il quarto gol. Stroppa concede minuti anche a Bettella, che debutta in campionato rilevando l’acciaccato D’Alessandro al 84’.La gelida serata dell’U-Power Stadium finisce all’insegna di Di Gregorio, che prima salva un cross pericoloso con una difficile parata e poi al 94′ rinvia direttamente un assist per il poker servito da Gytkjaer, con un gran destro da fuori. Secondo gol in campionato per l’attaccante danese e grande festa all’U-Power Stadium.

Vince 4-1 la squadra di Stroppa, che scala posizioni in classifica e arriva nel modo migliore al big match di domenica 5 dicembre a Brescia.

MONZA: Di Gregorio; Donati, Marrone, Caldirola; Pereira, Colpani (58′ Valoti), Barberis, Machin, D’Alessandro (85′ Bettella); Dany Mota (66′ Gytkjær), Vignato (46′ Ciurria). A disposizione: Sommariva, Finotto, Siatounis, Antov, Brescianini. All. Stroppa.

COSENZA: Vigorito; Tiritiello, Rigione, Venturi; Florenzi (58′ Anderson), Carraro (82′ Boultam), Palmiero (75′ Gerbo), Vallocchia, Situm (46′ Corsi); Gori, Millico (58′ Caso). A disposizione: Saracco, Matosevic, Pirrello, Minelli, Panico, Sy, Kristoffersen. All. Zaffaroni.

ARBITRO: Minelli di Varese (Fontemurato – Garzelli).  

MARCATORI: 11′ Colpani (M), 13′ e 22′ Dany Mota (M), 69′ Carraro (C), 94′ Gytkjær (M).

NOTE: Serata rigida con temperatura intorno allo zero. Spettatori presenti 3.450 (incasso 29.345 euro). Presenti nel settore ospiti 508 tifosi rossoblù. Ammoniti: 72′ Venturi (C) . Angoli: 3-6 (pt 1-2). Recupero: 1′ pt, 3′ st.