Caos a scuola, studenti occupano istituto Monaco a Cosenza

Gli studenti chiedono mascherine Ffp2 gratuite; tamponi gratuiti ogni settimana nelle classi; aule nuove più capienti per non studiare in classi pollaio; tracciamento reale nelle scuole e più corse per il trasporto pubblico.


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Mascherine ffp2 gratuite; tamponi gratuiti ogni settimana nelle classi; aule nuove più capienti per non studiare in classi pollaio; tracciamento reale nelle scuole e più corse per il trasporto pubblico.

Sono le richieste avanzate dagli studenti dell’Istituto tecnico industriale Monaco di Cosenza che hanno occupato la loro scuola.

“Non siamo carne da macello per la propaganda del governo e dopo oltre una settimana dal rientro a scuola dalle festività – affermano gli studenti che hanno srotolato uno striscione che dà conto dell’occupazione dell’edificio – nulla è cambiato nonostante le nostre richieste. Abbiamo deciso quindi di fare qualcosa in più oltre all’assenza di massa. Nell’ultimo periodo si è registrato un aumento dei contagi esponenziale, con ospedali in difficoltà e reparti strapieni, molti nostri compagni sono in quarantena a casa con le loro famiglie. Pretendiamo un rientro a scuola in presenza, perché siamo convinti che la dad possa essere utilizzata solo in casi di emergenza, ma vogliamo un rientro realmente in sicurezza”.

“Tutto questo – sostengono ancora gli studenti – non c’è stato assicurato nonostante le nostre richieste da inizio anno quando ancora i contagi erano molti di meno. Se il ministro dell’istruzione Bianchi dice che nelle scuole dopo l’apertura non c’è nessun disastro allora non possiamo che prendere atto della propaganda del governo ma allo stesso tempo abbiamo il diritto di tutelare la nostra salute e quella dei nostri cari. Con l’occupazione della nostra scuola vogliamo lanciare un segnale. Vogliamo che la voce degli studenti venga ascoltata”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER