Anziano morto a dicembre nel Cosentino. E’ omicidio. Arrestato un uomo


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Un uomo di 38 anni, Maurizio Vinci, è stato arrestato dai carabinieri a Trebisacce in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere perché ritenuto il presunto autore dell’omicidio di Rocco De Paola, un ottantaquattrenne di Trebisacce il cui cadavere venne trovato avvolto dalle fiamme nella tarda serata del 4 dicembre scorso in via Zara, nel centro abitato della cittadina dell’Alto Ionio Cosentino.

Il trentottenne è ritenuto dagli inquirenti gravemente indiziato dell’assassinio e della successiva distruzione del corpo di Rocco De Paola, conosciuto con il soprannome di “Parigino”.

La vicenda della morte dell’anziano, apparsa inizialmente come morte accidentale ha assunto successivamente i connotati di un delitto. Leggi. Le attività investigative, coordinate dalla Procura di Castrovillari, avrebbero consentito di far luce sugli eventi di quella sera di inizio dicembre.

Fondamentali sono risultate le analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza installati in un’attività commerciale nei pressi dell’abitazione di De Paola. Le riprese avrebbero consentito di riprendere il presunto omicida mentre recava si più volte nelle vicinanze dell’abitazione del De Paola per poi allontanarsi poco prima della mezzanotte quando le fiamme stavano cominciando a divorare il corpo della vittima.

Un apporto ulteriore, secondo gli inquirenti, è giunto dai risultati dell’esame autoptico che hanno consentito di accertare la presenza di una ferita lacero-contusa sulla testa dell’anziano, ritenuta compatibile con l’utilizzo di un corpo contundente.

Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, l’omicida avrebbe dapprima colpito più volte alla testa Rocco De Paola e, vedendolo esanime, avrebbe appiccato il fuoco utilizzando dei cartoni che si trovavano all’interno dell’abitazione. Al momento non si conosce il movente della brutale aggressione sfociata nel crudele delitto.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER