Presunte molestie al Liceo. Docente indagato? La Procura non conferma


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Ansa

Sarebbe indagato un professore dell’istituto di istruzione superiore “Valentini-Majorana” di Castrolibero che – secondo alcune studentesse – si sarebbe reso responsabile di presunte molestie nei loro confronti.

La Procura della Repubblica di Cosenza sta conducendo un’inchiesta sui presunti fatti accaduti nell’istituto. La stessa Procura, interpellata dall’Ansa, non ha smentito né confermato l’iscrizione nel registro degli indagati del professore presunto responsabile delle molestie, appellandosi, in questo senso, al “massimo riserbo”.

Nei confronti del docente sarebbero state due le denunce presentate da altrettante studentesse che avrebbero subito le presunte molestie, una ai carabinieri e l’altra alla Polizia.

Nell’istituto, inoltre, è in corso da ieri un’ispezione disposta dal ministero dell’Istruzione per accertare la fondatezza dei fatti denunciati dalle studentesse ed adottare misure che possano indurre i ragazzi a sospendere l’occupazione della scuola, in corso dal 3 febbraio, con conseguente sospensione delle lezioni.

Nel mirino degli studenti c’è soprattutto la dirigente scolastica che davanti alle lamentele degli studenti non avrebbe preso alcun provvedimento. L’occupazione continua, con connessa interruzione del ciclo di lezioni, ma circola anche la voce secondo cui ci sarebbe una “montatura” in atto da parte degli studenti contro il prof e contro la preside.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER