Sequestrato cantiere di produzione di calcestruzzo senza autorizzazioni


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

carabinieri forestali

I carabinieri forestali hanno posto sotto sequestro, a Casali del Manco, in località Piedi Rossi, un cantiere per la produzione di calcestruzzo risultato privo delle autorizzazioni relative sia allo scarico delle acque reflue industriali, sia all’emissione di fumi in atmosfera.

Il titolare della società che gestisce l’impianto è stato denunciato con l’accusa di avere illecitamente scaricato le acque reflue industriali contaminate dall’attività di produzione e per aver esercitato l’attività produttiva in assenza delle previste autorizzazioni di legge.

Nel corso del controllo svolto in tutta l’area, i militari hanno anche rilevato che ai fabbricati presenti nell’area del cantiere mancavano i relativi titoli edilizi e di accatastamento.

I sigilli sono stati apposti all’intero cantiere composto da impianto di betonaggio, vasche in calcestruzzo, ricovero automezzi e fabbricati presenti all’interno di un’area estesa per 3600 metri quadri.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER