Sanità, sit-in a Castrovillari: “Serve il reparto di oncologia”

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

“I tanti malati oncologici del Pollino e della Sibaritide che fanno riferimento all’ospedale di Castrovillari hanno la necessità di un reparto che funzioni h24 e non di un semplice ambulatorio”.

A dichiararlo è stata Gina Santagata, presidente dell’associazione “La mongolfiera” che opera in qualità di supporto dei malati oncologici, nel corso del sit-in organizzato questa mattina dall’associazione davanti l’Ospedale di Castrovillari.

Un’iniziativa “di protesta e di proposta per migliorare la Sanità territoriale e pubblica” nonché “per denunciare lo stato in cui versa l’ Ospedale”.

“Siamo qui – ha dichiarato Gina Santagata – in qualità di ‘portavoce’ dei malati oncologici che, da anni, lamentano alcune carenze nelle cure oncologiche. Si tratta di pazienti fragili che devono essere attenzionati quotidianamente, ma non lo sono”.

“C’è mancanza di infermieri, di Oss e comunque stiamo parlando di un ambulatorio e non di un reparto di oncologia. Questi pazienti hanno bisogno di cure continue e quando l’ambulatorio è chiuso sono costretti a chiamare o degli infermieri a pagamenti o far riferimento al Pronto soccorso, altra piaga di questo ospedale dove di notte c’è un solo medico ed è già intasato di per sé dove l’attesa è di ore o, addirittura giorni e alcune volte mancano pure i letti. Noi non vogliamo distruggere, vogliamo costruire una sanità d’eccellenza”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER