Playout B, Guarascio: “Tutti al Marulla a sostenere il Cosenza”

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

“Orgoglio, amarezza, coraggio… sono questi i sentimenti che proviamo il giorno dopo Vicenza-Cosenza”. Così il presidente del Cosenza Calcio, Eugenio Guarascio il giorno dopo la sconfitta nell’andata dei playout di serie B con il Vicenza.

“L’orgoglio – ha sottolineato Guarascio – per aver visto in campo una squadra che, nonostante le tante assenze, ha interpretato la gara con lo spirito che noi amiamo e ci fa innamorare del calcio e per aver visto ancora una volta sugli spalti i nostri tanti tifosi, colorati, corretti e mai domi.

L’amarezza per il risultato finale deciso da alcuni episodi che ci hanno lasciato quanto meno perplessi: lo splendido gol annullato a Giuseppe Caso, la mancata sostituzione di Larrivey, colto da crampi, con Laura pronto a bordocampo e la rete che ha deciso l’incontro viziata dalla presenza sul terreno di gioco di un tesserato del Vicenza iscritto in distinta”.

Il presidente del Cosenza ha aggiunto: “Poi c’è comunque il coraggio che deve animarci nei prossimi giorni e nei novanta minuti decisivi che vivremo venerdì. Come sempre è accaduto il nostro futuro si scriverà al San Vito Gigi Marulla, il nostro stadio, la nostra casa. Saremo in 20.000 a tifare Cosenza, a supportare il mister e i calciatori per l’ultimo atto di una stagione che merita un finale colorato di rossoblù! Perciò mai come questa volta tutti al Marulla!”, ha concluso.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER