Sequestrata pista ciclabile inaugurata da poche settimane

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

E’ stato sequestrato dai carabinieri il segmento Morano-Campotenese (Cosenza) della pista ciclabile realizzata dal Parco Nazionale del Pollino sul tracciato dell’ex strada ferrata che era stata inaugurata lo scorso 24 maggio.

Custode giudiziario della struttura, a tutela dell’incolumità pubblica, è stato nominato il sindaco di Morano Nicolò De Bartolo.

I sigilli sul tratto della pista ciclabile sono stati apposti dai militari dopo che poche ore prima era stato effettuato un sopralluogo a cui avevano partecipato anche i vigili del fuoco del distaccamento di Castrovillari.

Il provvedimento di sequestro, emesso dalla Procura di Castrovillari, secondo quanto si è appreso, sarebbe scaturito dall’esposto di un cittadino che ha segnalato il cedimento di parti di intonaco dalle volte di alcune gallerie del vecchio tracciato ferroviario, oggi reso pedociclabile.

Il tratto ciclabile Campotenese – Morano è stato realizzato, oltre che con fondi ministeriali, grazie al contributo di un milione e mezzo da parte della Regione Calabria. Il sindaco di Morano, Nicolò De Bartolo, a seguito del sequestro ha diffidato “la cittadinanza e tutti i fruitori abituali e occasionali a non oltrepassare i varchi chiusi.

Vige pertanto – è scritto in una nota – il più assoluto divieto di violare i sigilli o di
impegnare con qualsiasi mezzo e per qualsivoglia ragione la pista. Eventuali trasgressioni saranno sanzionate con denuncia penale”.