‘Ndrangheta, la Dia arresta un calabrese a Milano. Sequestro per 5,5 milioni

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

La Direzione Investigativa Antimafia ha dato esecuzione ad un provvedimento cautelare di
natura personale agli arresti domiciliari, emesso dal Gip di Milano su richiesta della locale
Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di un soggetto, di origini calabresi e residente in provincia di Milano, ritenuto gravemente indiziato del reato di trasferimento fraudolento di beni e valori.

È in corso, altresì, il sequestro preventivo di 4 complessi aziendali (con volumi d’affari
conseguiti nell’ultimo anno per oltre 8 milioni di euro), numerosi beni mobili strumentali,
immobili e conti correnti per un valore complessivo di oltre 5,5 milioni di euro.

Le indagini hanno consentito di ricostruire un reticolo societario, operativo nel settore delle
cave, del trasporto e dello stoccaggio di materiali inerti e di rifiuti da demolizione,
formalmente gestito da prestanome, ma nei fatti diretto unicamente dal soggetto colpito dal provvedimento cautelare, nei confronti del quale sono stati così raccolti gravi indizi di
colpevolezza in ordine al reato in argomento (fatta salva la valutazione nelle fasi successive
con il contributo della difesa).

In dettaglio, le attività investigative hanno messo in luce come, proprio grazie alla “copertura” fornitagli dai prestanome, l’indagato, peraltro già in passato condannato per reati di traffico di stupefacenti e associazione mafiosa abbia potuto operare anche quale subappaltatore e subfornitore aggirando la normativa antimafia di settore.