Uccide la moglie e va a bere al bar. Fermato

Orrore a Mandatoriccio. Vittima una 71enne, il marito, ex falegname, dopo avere ucciso la moglie, ne ha adagiato il cadavere sul letto matrimoniale ed ha tenuto nascosto per due giorni quanto era accaduto.

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Avrebbe contestato alla moglie presunte relazioni extraconiugali Luigi Carlino, l’ex falegname pensionato 73enne fermato dai carabinieri con l’accusa di avere ucciso a coltellate la moglie, Domenica “Mimma” Caligiuri, di 71, ex insegnante anche lei in pensione.

Sarebbe stata questa una delle cause scatenanti dei frequenti litigi tra marito e moglie al culmine dell’ultimo dei quali, giovedì scorso, Carlino ha assassinato la moglie con una serie di coltellate una delle quali l’ha raggiunta al collo provocandone la morte istantanea.

L’ex falegname, dopo avere ucciso la moglie, ne ha adagiato il cadavere sul letto matrimoniale ed ha tenuto nascosto per due giorni quanto era accaduto.

Dopo che sono intervenuti stamattina, sulla base delle segnalazioni ricevute dai parenti della donna, che non avevano notizie di lei proprio da giovedì scorso, il cadavere della donna è stato trovato dai carabinieri. Il ritrovamento ha fatto scattare immediatamente le ricerche del marito, che è stato individuato in un bar vicino casa e condotto in caserma.

Carlino, dopo le dichiarazioni spontanee fatte ai carabinieri in cui ha fatto parziali ammissioni circa le sue responsabilità nell’omicidio, si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al pm di turno della Procura della Repubblica di Castrovillari, in presenza del suo legale di fiducia.

Il pensionato è stato posto in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario aggravato.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER