Donna costretta a subìre violenze dall’ex, in manette un 64enne

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Questura di Cosenza

Agenti della Polizia di Stato di Cosenza hanno tratto in arresto un uomo di 64 anni in quanto ritenuto responsabile di violenza sessuale, maltrattamenti, estorsione e stalking nei confronti della sua ex convivente.

Nei primi giorni di agosto, una donna, ormai esasperata e terrorizzata dal suo ex compagno, si è presentata presso gli Uffici della Squadra Mobile della Questura bruzia, decisa a raccontare ai poliziotti il dramma che da circa due mesi stava vivendo e subendo.

La donna, in lacrime e fortemente intimorita, ha raccontato ai poliziotti che dopo aver conosciuto il suo ex convivente lo ha accolto in casa. Rimasta sola dopo la morte del marito, aveva intravisto in lui una persona a cui legarsi e affidarsi sentimentalmente.

La convivenza però non si è mostrata facile per la donna, che sin dai primi momenti di vita insieme si è trovata costretta a subire il carattere violento dell’uomo.

Secondo le indagini diversi sarebbero stati gli episodi di maltrattamenti o i rapporti sessuali di ogni tipo consumati contro la propria volontà spesso minacciata anche da un coltello.

La donna ha raccontato, inoltre, che l’uomo, approfittando del proprio stato di debolezza, perché malata, pretendeva che lei gli cedesse mensilmente una parte della propria pensione di reversibilità.

Neanche la decisione di troncare la relazione è servita a tenere lontano da lei quell’uomo violento che ha continuato a perseguitarla e a minacciarla, tanto da farle limitare le uscite di casa o ad evitare di uscire da sola.

La donna ha trovato nei poliziotti gli “amici” a cui confidare il proprio dramma, il segreto che, per vergogna o timore di essere giudicata, aveva tenuto per sé tanto da evitare di fare ricorso alle cure mediche anche quando ce ne fosse stato bisogno.

L’attività info-investigativa avviata a seguito della denuncia, coordinata dalla Procura cosentina, ha consentito di accertare i presunti reati contestati al sessantaquattrenne, il quale è finito in manette in attesa delle determinazioni del giudice presso il locale tribunale.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER