Trema la Calabria, scossa di magnitudo 4.4 a Catanzaro. Panico e gente in strada

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici su TELEGRAM e TWITTER

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 4.4 si è verificata in Calabria nella notte del 13 ottobre 2022, alle ore 00.44.

L’epicentro è stato localizzato di poco al largo della costa jonica catanzarese, tra Roccelletta e Catanzaro Lido mentre la profondità a circa 36 chilometri.

Il sisma è stato distintamente avvertito dalla popolazione nei territori prossimi all’epicentro, così come in molti centri delle altre province. Al momento non si registrano danni a cose o persone.

Secondo i rilevamenti dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia il terremoto è stato localizzato a 11 Km da Catanzaro, a 31 Km da Lamezia Terme, a 53 Km da Crotone, e a
62 Km da Cosenza. Due repliche strumentali di magnitudo 2 e 2.5 sono state registrate un po’ più tardi con epicentro a Stalettì e San Floro, sempre nel catanzarese.

Panico e gente in strada

C’è stato panico tra i cittadini che si sono riversati in strada nel timore che il sisma potesse replicarsi. Assalto ai centralini dei vigili del fuoco di Catanzaro, soprattutto, poi Cosenza, Vibo Valentia e Crotone. La Protezione civile regionale è al lavoro per monitorare la situazione.

Il sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita ha disposto per giorno 13 ottobre la chiusura delle scuole del capoluogo in attesa che i tecnici verifichino se le strutture degli istituti scolastici abbiano subìto danni. La chiusura delle scuole è stata disposta anche in altri centri.

Questa è una scossa analoga, come intensità, a quella che si registrò a Cosenza nel pomeriggio del 24 febbraio 2020 a Cosenza. Anche allora venne avvertito un terremoto di magnitudo 4.4, con epicentro a Rende.