Morte 17enne a Corigliano, indagati alcuni medici

Sarebbero quattro i sanitari finiti nel registro della procura di Castrovillari. Un atto dovuto della procura in vista dell'autopsia. Marta Azzaro era stata dimessa due volte dal pronto soccorso di Corigliano ma arrivata a casa è deceduta

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Alcuni medici dell’ospedale di Corigliano Rossano – 4 secondo indiscrezioni – sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Castrovillari nell’ambito dell’indagine avviata per la morte della diciassettenne Marta Azzaro di Corigliano Rossano.

La ragazza, domenica notte, per due volte, era stata accompagnata dai familiari al pronto soccorso dell’ospedale “Guido Compagna” di Corigliano, per poi spirare a casa dopo essere stata dimessa.

L’iscrizione in questi casi è un atto dovuto in quanto nel pomeriggio è prevista l’autopsia sul corpo della 17enne Marta Azzaro per chiarire le cause del decesso.

Sempre oggi pomeriggio dovrebbe tenersi una riunione del risk management convocata dall’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, alla presenza di tutto il personale sanitario che ha avuto in carico la diciassettenne.