Sanità, primo giorno in ospedale per professori e ricercatori dell’Unical

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Ha preso servizio questa mattina un primo gruppo di professori e ricercatori dell’Università della Calabria nei reparti dell’Ospedale dell’Annunziata di Cosenza per lo svolgimento di attività di tipo assistenziale.

Diventa operativo, così, l’accordo siglato tra Azienda ospedaliera e Unical, che fa parte dell’iter che in futuro porterà alla clinicizzazione dell’Annunziata.

“È un giorno importante per l’Azienda ospedaliera perché inizia una nuova era, sia dal punto di vista clinico che della ricerca, considerato che si tratta di professionisti di altissimo profilo”, ha detto Francesco Zinno, direttore del dipartimento Servizi dell’Annunziata che ha accolto i nuovi colleghi.

Il personale è utilizzato nei reparti di chirurgia, ematologia, cardiologia interventistica, laboratorio di analisi e servizio infermieristico tecnico e riabilitativo aziendale.

“Entro nell’Azienda ospedaliera – ha detto Nicola Ramacciati del Sitra – con la consapevolezza che si tratta di una bella sfida e sono orgoglioso di poter contribuire alla nuova visione del servizio ospedaliero cosentino. Ho il compito di formare le nuove leve infermieristiche con una sensibilità di prossimità verso l’utenza e ho colto già la volontà da parte dei colleghi di poter iniziare un percorso di miglioramento, perché l’obiettivo finale è quello di erogare un servizio eccellente, percepito dalla cittadinanza come assistenza infermieristica di ottimo livello che speriamo di mettere in campo quanto prima”.