Scoperta e sequestrata a Corigliano una discarica abusiva

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

La Polizia locale della provincia di Cosenza, diretta dal comandante Rosario Marano, ha posto sotto sequestro preventivo una vasta area sita in località San Mauro, nel Comune di Corigliano-Rossano, oggetto di abbandono indiscriminato di rifiuti di ogni genere, tra i quali molte carcasse di autoveicoli, parti di carrozzeria e tappezzeria, pneumatici fuori uso, materiale ferroso, plastica vetro, residui di pittura provenienti di attività edile, materiale inerte, fusti di olio motore e altri materiali.

Si tratta di una mole notevole di rifiuti, sparsi sia sul nudo terreno sia all’interno di un capannone aperto e comunque riconducibili alla stessa ditta, tali da creare una vera e propria discarica abusiva a cielo aperto con potenziale inquinamento delle falde acquifere, data la mancanza di impermeabilizzazione del terreno.

“Un fenomeno odioso – ha commentato la presidente della Provincia Rosaria Succurro – che va combattuto con fermezza, a tutela dei nostri territori. Ringrazio il Comandante Marano e, suo tramite, tutti i nostri agenti che quotidianamente operano a salvaguardia dell’ecosistema locale e del paesaggio, non senza rischi anche per la propria incolumità personale”.

L’operazione è giunta al termine di una puntuale attività investigativa svolta dal personale del Distaccamento di Mormanno e del Comando di Cosenza, su delega d’indagine della Procura della Repubblica di Castrovillari.

Il Decreto di sequestro disposto dal pubblico ministero individua altresì quale custode giudiziario a titolo gratuito il proprietario dell’area stessa.