Il comune di Corigliano-Rossano si è dotato di un nuovo statuto

Il documento è stato votato a maggioranza assoluta nel corso della riunione del Consiglio comunale, tenutasi eccezionalmente nel Salone degli Specchi del Castello Ducale.

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici su TELEGRAM e TWITTER
Il Castello Ducale di Corigliano Rossano

La Città di Corigliano-Rossano ha da oggi il suo nuovo Statuto comunale. Il documento è stato votato, a maggioranza assoluta, nel corso della riunione del Consiglio comunale, tenutasi eccezionalmente nel Salone degli Specchi del Castello Ducale.

Si è quindi chiuso l’iter di discussione e approvazione, apertosi in Consiglio il 31 gennaio, ottenendo la maggioranza assoluta ma non la maggioranza richiesta di due terzi dei consiglieri. In quella occasione sono stati proposti ed accolti alcuni emendamenti al testo proposti dalla consigliera Rosellina Madeo, capogruppo Pd. Identico iter è stato seguito in occasione della seduta del Consiglio dello scorso 13 febbraio. Oggi la votazione conclusiva, con l’approvazione del testo.

Il documento proposto al Consiglio il 31 gennaio è stato frutto del lavoro della Commissione Statuto, guidata dalla consigliera Isabella Monaco, con il supporto del Segretario generale, Paolo Lo Moro, e del Comitato scientifico presieduto dell’avvocato Sandro Amorosino, che si è riunita 27 volte prima di approvare il testo definitivo da proporre al Consiglio.

“Abbiamo una visione chiara della città – afferma il sindaco, Flavio Stasi – che affermiamo giorno dopo giorno con i fatti ed il lavoro e che oggi dimostriamo, con senso di responsabilità, anche con l’approvazione dello Statuto, che abbiamo atteso con pazienza e rispetto nei confronti del lavoro della Commissione consiliare, ma che ormai non poteva più attendere. Resta la macchia della contrarietà di gran parte della minoranza che, anziché badare al significato istituzionale dello Statuto, ha preferito rendere anche quest’atto oggetto di strategia e propaganda politica. Una strategia evidentemente fallita. Vince la città che, da oggi, ha anche il suo Statuto e vince la visione di città moderna, trasparente e unita che stiamo costruendo giorno dopo giorno”.