Morte operaio a Rocca Imperiale, indagati i responsabili dell’impresa edìle

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
Il luogo dove è morto Giuseppe Spagna

La Procura della Repubblica di Castrovillari ha iscritto due persone nel registro degli indagati per la morte di Giuseppe Spagna, l’operaio 39enne deceduto martedì scorso, schiacciato da una lastra di cemento nel cantiere per i lavori di “riqualificazione e messa in sicurezza del torrente Canna”, a Rocca Imperiale (Cosenza).

Le due persone indagate per omicidio colposo sono due responsabili dell’impresa che stava effettuando i lavori di riqualificazione e di messa in sicurezza del torrente.

Stamani, nell’Ospedale “Giannettasio” di Corigliano Rossano, il perito anatomopatologo Matteo Sacco, nominato dalla Procura, ha effettuato l’autopsia stabilendo che il decesso è da attribuire a un trauma cranico.

I funerali di Giuseppe Spagna, sposato e padre di una bambina, sono in programma domani alle 15.30, nella chiesa di Sant’Anna, a Roseto Capo Spulico. Il sindaco Rosanna Mazzia, in concomitanza delle esequie, ha disposto il lutto cittadino.