Donna insospettabile sorpresa con 5 kg di droga nascosta in borsa-frigo, arrestata

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Una donna incensurata, insospettabile, è stata arrestata dalla Polizia di Stato a Cosenza perché durante una perquisizione è stata sorpresa con un ingente quantitativo di droga nascosta in borsa frigo da campeggio.

Nel corso della perquisizione, eseguita ieri mattina dagli agenti della Squadra Mobile e delle Volanti dell’Ufficio prevenzione crimine, con l’ausilio di un cane antidroga, effettuata presso il domicilio della donna, una casalinga attempata, è stata rinvenuta e sequestrata sostanza stupefacente che, ad esito del narcotest effettuato dalla Polizia scientifica, è risultata essere Hashish per un peso complessivo di quasi 5 kg.

La droga era ben nascosta all’interno di un frigo-box da campeggio rinvenuto all’interno di un ripostiglio dell’abitazione, custodita in una busta in cellophane e suddivisa in un totale di 50 panetti.

Il cane antidroga “Digos” dell’unità cinofila della questura di Vibo Valentia, dopo aver fatto accesso nel condominio, non ha mostrato alcun tentennamento ed ha puntato con insistenza la porta di quell’appartamento, abitato da una coppia di due insospettabili anziani.

Una volta aperta la porta, il “segugio poliziotto” sì è fiondato verso il ripostiglio dell’abitazione, indicando ai “colleghi” il posto dove “cercare”. Lì la scoperta degli agenti dell’ingente quantitativo di sostanza stupefacente, che avrebbe letteralmente inondato di droga le piazze di spaccio del capoluogo bruzio e dell’hinterland cosentino.

L’ipotesi più accreditata dagli investigatori potrebbe essere che la donna custodisse il consistente quantitativo di hascish per conto di altre persone che si sta cercando adesso di identificare.