Droga: smantellata piazza di spaccio a Cosenza e hinterland, 7 arresti

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

E’ di sette persone arrestate il bilancio di una operazione antidroga a Cosenza e hinterland da parte dei carabinieri del comando provinciale che hanno smantellato una fiorente piazza di spaccio.

L’operazione, in codice Campus, autorizzata dal gip presso il tribunale bruzio, è stata coordinata dalla Procura di Cosenza e condotta dai militari della compagnia di Rogliano. Gli arresti, 3 in carcere e quattro ai domiciliari, sono stati operati nei Comuni di Cosenza, Rogliano, Scigliano e Rende. Gli indagati dovranno rispondere a vario titolo di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti aggravata e continuata, furto aggravato nonché estorsione.

L’inchiesta è scaturita da un controllo effettuato, sul finire del mese di marzo 2021, nei confronti di 3 giovani residenti nei Comuni di Scigliano e Pedivigliano, i quali, fermati nei pressi dello svincolo autostradale Altilia/Grimaldi, venivano trovati in possesso di circa 20 grammi di marijuana. I tre riferivano di averla acquistata nella città di Cosenza (zona Autolinee – Via Popilia) da un soggetto non meglio identificato.

Il rinvenimento dello stupefacente, l’esitazione manifestata dai giovani durante il controllo nonché la mancanza di un lavoro stabile, ha dato input di avviare un’attività investigativa dimostratasi proficua poiché evidenziava uno scenario criminoso, ampio ed articolato, esteso, in particolar modo, nella zona Arcavacata – Campus Universitario di Rende.
In concreto, l’attività investigativa, oltre che nel rinvenimento della droga, ha trovato conforto nell’attività tecnica la quale, attraverso un’unica chiave di lettura, ha consentito di individuare le presunte responsabilità penali degli indagati, in numerosi momenti coinvolti in illecite cessioni di droghe del tipo marijuana, hashish, cocaina ed eroina, come contestualmente confermato dagli assuntori.

L’attività d’indagine, evolvendosi, si è arricchita di importanti elementi probatori – secondo l’accusa – attraverso i quali si è identificata la totalità dei soggetti coinvolti alcuni dei quali erano già gravati da precedenti penali specifici permettendo di fissare le singole presunte responsabilità penali nonché il ruolo e le fattispecie realizzate. Inizialmente, è stato osservato come uno degli indagati, attraverso il proprio telefono cellulare, avesse dato origine ad una vera e propria attività di scambio ed intermediazione, servendosi dei più diffusi sistemi di comunicazione, per concordare appuntamenti e incontri per il pagamento e ritiro delle sostanze vietate. In seguito, al reiterarsi di questa pratica, l’attenzione si è focalizzata su questi scambi, tanto da incrementare esponenzialmente i tradizionali servizi di osservazione statica e dinamica.

Con il proseguire delle indagini si è arrivati ad individuare un evidente e manifesto rapporto di collaborazione tra gli indagati, di conseguenza, l’attività investigativa ha fatto emergere una fitta “rete” di distribuzione di varie sostanze stupefacenti grazie alla quale gli indagati, confidando sulla costante disponibilità di droghe leggere e pesanti, hanno effettuato quotidianamente innumerevoli cessioni nei confronti di una pluralità di consumatori soprattutto sul territorio di Cosenza, Rende e dintorni.

L’offerta di stupefacente era diuturna: sostanze quali hashish e marijuana erano costantemente disponibili, a qualsiasi ora del giorno e, finanche su ordinazione. Ampi erano i margini di guadagno per gli spacciatori: dai 5 euro per una semplice “storia”, cioè una singola consumazione individuale, a somme più cospicue in caso di cocaina o quantitativi più consistenti.

L’attività, condotta dai Militari della Compagnia di Rogliano, ha portato all’identificazione di innumerevoli assuntori e consentito di cristallizzare ben 185 episodi di spaccio. Questo ha consentito, non solo di redigere una chiara mappatura di una fitta rete di spacciatori cosentini ma anche di individuare ed aggredirne il canale di approvvigionamento. La concretezza dell’indagine, supportata e documentata da riscontri oggettivi, hanno consentito alla Procura della Repubblica di Cosenza la richiesta e l’ottenimento di 7 misure cautelari personali.

Contestualmente alle misure cautelari personali, i Carabinieri hanno eseguito anche 3 decreti di perquisizione domiciliare, emessi dalla Procura, nei confronti di altri soggetti anch’essi indagati in stato di libertà per detenzione e spaccio di droga in concorso, furto aggravato ed estorsione.