Corigliano, 41enne precipita con la sua auto da banchina in porto e muore

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Tragedia nel porto di Corigliano. Un uomo di 41 anni, di cui non si conoscono le generalità, è morto dopo che la sua auto è precipitata in mare dalla banchina.

Dopo una segnalazione della locale Capitaneria di porto sul posto sono giunte squadre dei Vigili del fuoco di Cosenza che una volta appreso di ciò che era successo hanno allertato i colleghi sommozzatori di Taranto e Bari, arrivati in loco con un elicottero del corpo.

I sommozzatori si sono calati in mare e ad una profondità di quasi cinque metri hanno notato la vettura, una Fiat Punto, con all’interno il corpo senza vita dell’uomo. Il corpo del  quarantunenne è stato recuperato e riportato in superficie. I pompieri col supporto di un’autogru hanno in seguito recuperato la vettura. Sul posto anche personale del 118, della Guardia costiera e i carabinieri per gli accertamenti del caso.

Non è chiaro se l’uomo si sia sentito male ed è quindi precipitato in acqua, oppure la sua auto è sbandata finendo in mare da cui, in profondità, non sarebbe riuscito a riemergere. Non si escludono altre ipotesi.

Le indagini per fare luce sulla tragedia sono affidate ai militari dell’Arma coordinati dalla Procura di Castrovillari, che avrebbe disposto l’autopsia per accertare le cause del decesso. Le immagini di videosorveglianza sarebbero già al vaglio degli investigatori.