Serie B, debutto col botto al Marulla: Cosenza-Ascoli 3-0

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
Tutino batte a rete il rigore contro l’Ascoli

Inizio col botto del Cosenza in Serie B. La squadra di Caserta ieri ha rifilato allo stadio Marulla tre reti all’Ascoli dell’ex Viali e ha conquistato la sua prima vittoria.

Cosenza arrembante che si porta in vantaggio al ’20 minuto, Calò conclude a rete e la palla viene deviata da un braccio di un avversario, Forneau si consulta con il Var ed è rigore. Tutino è implacabile dal dischetto.

L’Ascoli perde la testa con due rossi in pochi minuti, per Falasco e Buchel, nel lungo recupero va fuori anche Forte per gioco violento (rifila una gomitata a Fontanarosa a palla lontana).

Nella ripresa i rossoblù affondano il colpo, prima un gran gol di Arioli e poi Zilli portano sul 3-0 il risultato nei primi sedici minuti.  Il Cosenza chiude in dieci per l’infortunio di Cimino spinto sui tabelloni pubblicitari.  I Lupi battono l’Ascoli e conquistano i primi tre punti!

Espulsioni record per l’Ascoli

Il debutto in casa del Cosenza passerà nella storia per le tre espulsioni nei confronti dei marchigiani, ricevute tutte nel primo tempo. Mai, infatti, una squadra è arrivata all’intervallo in otto uomini. La serie di cartellini rossi sventolati dall’arbitro Fourneau è iniziata al 36° minuto. Falasco, già ammonito, allarga il braccio su Tutino: per il direttore di gara è secondo giallo e rosso. L’uomo in meno e lo svantaggio di un gol porta l’Ascoli a sbilanciarsi in avanti e subire le ripartenze del Cosenza. Così arriva la seconda espulsione al 41° minuto, con Buchel che commette un fallo da ultimo uomo su D’Urso, lanciato da solo a rete. L’ultimo rosso, infine, è in pieno recupero e con l’aiuto del Var che richiama Fourneau per una gomitata di Forte su Fontanarosa a palla lontana. Anche in questo caso pochi dubbi e terza espulsione. Per l’Ascoli, i rossi non sono una novità visto che lo scorso anno è stata la squadra a riceverne di più: ben 10, oltre a 94 ammonizioni.

Il tabellino

COSENZA (4-2-3-1): Micai; Martino, Fontanarosa, Venturi (79′ Cimino), D’Orazio; Zuccon (65′ Praszelik), Calò; Arioli (58′ Marras), D’Urso (57′ Zilli) Mazzocchi (71′ Crespi); Tutino. A disp. : Lai, Marson, Meroni, Rispoli, Sgarbi,  Novello. All. : Caserta

ASCOLI (4-3-2-1): Viviano; Adjapong, Botteghin, Quaranta, Falasco; Caligara (46′ Falzerano), Buchel, Masini(56′ Kraja); Rodriguez, Millico (63′ Giovane); Forte. A disp. : Barosi, Bolletta, Simic, Haveri, Gnahorè, D’Uffizi, Manzari, Mendes. All. : Viali

ARBITRO: Francesco Fourneau  di Roma 1, assistenti: Dei Giudici e Catallo, Quarto ufficiale: Vogliacco, Var: Aureliano, Avar: Pagnotta.

Risultato 3-0

Marcatori: 20′ pt  Tutino rig. 9′ st Arioli 9′ st. 16′ st Zilli.