Incidente mortale a Cosenza, indagato il poliziotto alla guida della pattuglia

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

La Procura di Cosenza ha aperto una inchiesta in relazione all’incidente mortale avvenuto sabato mattina nel quartiere di Torre Alta in cui ha perso la vita il diciassettenne Antonio Ruperti. Il giovane era in sella ad una moto di grossa cilindrata quando si è scontrato, per cause da chiarire, con una pattuglia della Polizia di Stato in servizio.

I magistrati hanno iscritto nel registro degli indagati il poliziotto alla guida dell’auto della questura. L’ipotesi è di omicidio stradale.

I familiari della giovane vittima hanno presentato un esposto ai carabinieri per chiedere di accertare eventuali responsabilità sul sinistro mortale. Nella zona dell’incidente vi sarebbero delle videocamere di sorveglianza. Almeno una di queste potrebbe aver registrato le fasi dell’incidente.

Secondo una nota diffusa dalla Polizia sabato pomeriggio, il giovane era senza patente e la moto, senza assicurazione né revisione, è intestata ad una persona con precedenti penali. Intanto, domani dovrebbe essere effettuata l’autopsia sulla salma di Antonio Ruperti.