Sequestrato stabilimento balneare a Strongoli. Una denuncia

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Sequestrato stabilimento balneare a Strongoli
I militari della Guarda di Finanza mettono i sigilli allo stabilimento balneare

STRONGOLI (CROTONE) – I finanzieri della Sezione operativa navale della Guardia di finanza di Crotone hanno sequestrato a Strongoli uno stabilimento balneare abusivo e ne hanno denunciato il proprietario.

Lo stabilimento balneare sequestrato è composto da tre strutture in legno adibite a bar, servizi e magazzino e da un terreno per un’area complessiva di circa 3.000 metri quadrati.

Il valore della struttura ammonta a circa 800.000 euro. La struttura è stata realizzata senza le autorizzazioni per l’occupazione dell’area demaniale e in difformità ai permessi rilasciati dal Comune di Strongoli.

Lungo il perimetro del terreno sono stati anche trovati 100 blocchi in calcestruzzo di proprietà delle Ferrovie dello Stato, i quali, normalmente, vengono posti a protezione della rete ferroviaria nei punti dove la stessa corre in prossimità del mare.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER