Crotone deve volare, protesta per la chiusura dell’aeroporto

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

protesta aeroporto crotoneMigliaia di persone sono scese in strada a Crotone per sollecitare l’immediata ripresa dell’attività di volo sull’aeroporto, l’unico scalo della fascia ionica tra Calabria e Puglia, chiuso dall’ottobre scorso. Al termine del corteo, indetto dal Comitato cittadino aeroporto, è stato consegnato al prefetto Vincenzo De Vito un documento in cui si chiede “la convocazione di un Tavolo istituzionale alla presenza del Presidente della Regione, del Presidente della Sacal e del presidente Enac, nel più breve tempo possibile, al fine di affrontare congiuntamente le tematiche di riapertura e sviluppo dell’aeroporto Sant’Anna”.

Tra i sottoscrittori anche i sindaci, non solo del crotonese ma anche delle province limitrofe. “Qualora l’esito dell’incontro – avvertono – non dovesse sortire il risultato auspicato, ovvero l’immediata e certa riapertura dello scalo, le azioni di protesta proseguiranno presso la Cittadella Regionale” ed in quell’occasione “i sindaci sottoscrittori consegneranno la fascia tricolore”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER