Crotone, tre arresti nel fine settimana

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

carabinieri crotone  I Carabinieri del Comando provinciale di Crotone hanno arrestato nel fine settimana tre persone in distinte attività di controllo del territorio.

In città, i militari della compagnia di Crotone hanno arrestato un 30enne, nativo del Pakistan, ritenuto responsabile di estorsione, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, in viale Regina Margherita, dopo aver preteso denaro, con insistenza e minaccia, da parte dei passanti e dei gestori dei locali presenti, all’arrivo dei militari si è scagliato anche contro di loro, con minacce ed atteggiamenti oltraggiosi. Pertanto, è stato bloccato e tratto in arresto. Inoltre, accertamenti successivi, eseguiti presso il locale Ospedale Civile, l’hanno trovato positivo a test alcolemici e tossicologici.

I Carabinieri della Tenenza di Isola Capo Rizzuto hanno arrestato un 60enne del posto, già sottoposto agli arresti domiciliari, per evasione. I militari hanno accertato che il detenuto si è allontanato dalla propria abitazione in assenza di autorizzazioni. Su disposizione della competente autorità giudiziaria, è stato sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

I militari della Stazione di Petilia Policastro, nel corso di un servizio perlustrativo, hanno arrestato un 31enne del luogo per resistenza e guida in stato di ebbrezza. L’uomo, mentre era alla guida dell’autovettura proprietà della madre, alla vista dei militari, in evidente stato di ubriachezza è sceso dal veicolo e, senza alcun motivo, ha inveito contro di loro, minacciandoli e spintonandoli. Pertanto, è stato bloccato, arrestato e tradotto presso la propria abitazione in attesa del rito direttissimo presso la competente Autorità Giudiziaria.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM